Dadi Online

 

È uno dei giochi più antichi dell’umanità. Nei film western, ad allietare i pistoleri non c’erano solo le carte da poker. Stiamo parlando dei dadi.

Quando Terence Hill entra con Bud Spencer nella Missione di frati francescani, convinti di avere a che fare con dei fuorilegge sotto mentite spoglie, dice ironicamente – scommetto che non giocate nemmeno a dadi – (…continuavano a chiamarlo Trinità).

Inevitabile dunque che anche questo gioco fosse approdato nei casinò online, sebbene con quello spazio che forse meriterebbe. Presenza fissa delle piattaforme con software Microgaming, si può trovare in due vesti. Quella classica, con i sei valori numerici su ciascuno dei due dadi, il cosiddetto Craps (disponibile anche nella piattaforma legalizzata 888), oppure esiste la versione pokeristica, il Poker Dice.

Questo secondo è già più presente in celebri casinò con certificazione dell’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, come IziPlay e Sisal, su entrambi nella categoria Skill Games.

category icon

  • Hot

William Hill

  • Bonus di benvenuto fino a 300 Euro
  • Dispone di giochi in 3D
  • Chatta con giocatori e croupier
Gioca oraWilliam Hill
  • Starcasino
  • Hot

StarCasino

  • Roulette e blackjack dal vivo
  • Live Casino!
  • Affari tuoi e The Money Drop
Gioca oraStarCasino
  • Hot

888 Casino

  • Bonus 100 euro facile da incassare
  • Roulette e blackjack dal vivo
  • Affari tuoi e The Money Drop
Gioca ora888 Casino

Regole e Strategia

Cimentandosi coi Craps, ovviamente si scommette su cosa uscirà. Si gioca su di un tavolo verde con una disposizione specifica. Si può puntare ogni volta in modo diverso. Chi tira è lo Shooter. Le regole sono abbastanza complicate, non certo immediate come una slot.

Tuttavia è sufficiente prenderci un po’ la mano e dopo qualche giro di rodaggio (fattibile comodamente anche in modalità for fun), si comincerà ad entrare nel meccanismo. Le puntate possono essere Pass Line (7 o 11 si vince subito), Don’t Pass Line (piazzata sulla barra "Don’t Pass Bar"), Come, Don’t Come, Odds, Pass Odds e Come Odds, Pass Line Odds e Don’t Pass Line Odds, Come e Don’t Come Odds, Field, "Big 6" e "Big 8" e infine la Place Win (si vince se il proprio numero esce prima di un sette).

Il Poker Dice al contrario segue i punteggi dell’omonimo gioco cartaceo, passando dalle coppie (dal 9 all’Asso), quindi Doppia Coppia, Tris, Scala, Full, Poker e Pokerissimo (5 dadi uguali); per ogni combinazione c’è un punteggio fino a 5 punti. Si gioca in modalità torneo con buyin che possono anche raggiungere cifre elevate. Ma c’è anche un’altra modalità. C’è anche l’opzione in cui si possono tirare tre volte in tutto i dadi fino a ottenere la combinazione migliore, questa volta senza regole extra, ma con le sole combinazioni classiche.

Imperatori gran giocatori

Grecia, Egitto o Asia? L’origine dei dadi è incerta. Secondo alcuni è da attribuirsi a Palamede, discendente di Minosse, per altri a Theuth e infine c’è anche l’opzione della terra della Lidia. La modalità di gioco dadi, che nell’antichità venivano anche chiamati astragali, tali o tesserae, è rimasta la medesima.

Si mettevano in un barattolo  di piccole dimensioni, si scuoteva per bene e poi si lanciava. Scommessa dopo scommessa la puntata aumentava e il gioco si concludeva solo quando un fortunato si portava via tutto. I dadi erano tre, e il massimo punteggio possibile era 18.

Ma a giocarci non erano solo glia adulti, anche i bambini, come tramandò lo stesso Aristofane (450 – 385 a.C.), e per questo vennero associati a una simbologia di gioventù e spensieratezza; va specificato però che mentre i fanciulli era nulla di più un semplice passatempo, per i più grandicelli era vero e proprio azzardo tant’è che col tempo, specialmente nell’Antica Roma, iniziò ad assumere un significato dispregiativo indicante i fannulloni.

Ciò nonostante primi sponsor dei dadi (che va ricordato, venivano anche usati per scopi divinatori) furono gl’Imperatori. Dal grande Ottaviano Augusto a Caligola, quest’ultimo noto dedito ai piaceri più sfrenati. Ma l’elenco degli allora primi cittadini della capitale è lungo.

Nerone, Vitellio, Domiziano e quello considerato il più dedito di tutti, Claudio (10 a.C. – 54), incapace di staccarsi dai dadi perfino durante le passeggiate. 

Prima di iniziare a far pratica, credi che possa essere interessante per te scoprire più cose sul gioco dei Dadi? Perchè non ci scrivi e magari ci dici anche le tue opinioni su questo articolo? SCRIVICI

Fai pratica con la versione Flash!

contact us

x